Nei giorni scorsi ho scoperto e avuto modo di provare alcune tisane biologiche del marchio Valverbe. Se dovesse sembrarvi strano che io mi metta a bere tisane e infusi in piena estate, probabilmente siete nuovi da queste parti, quindi permettetemi di darvi il benvenuto tra queste pagine 🙂
Chi già mi conosce, sa infatti bene che io non ho mai dato troppo peso alla stagionalità delle cose: mangio gelato anche se fuori nevica, adoro zuppe bollenti e passati di verdura ad agosto e, per l’appunto, bevo the e tisane in ogni momento dell’anno, ovviamente a diverse temperature a seconda di come mi va (fa caldissimo anche per chi adora le tisane, lo ammetto!).

L’azienda: Valverbe

Valverbe é una cooperativa agricola di montagna. I soci coltivano e raccolgono piante officinali nelle vallate alpine adiacenti il Monviso. Le erbe vengono essiccate con tecnologia a freddo e sanitizzate in modo naturale. Tetto fotovoltaico e filo di cotone bio completano la filosofia produttiva di Valverbe: offrire sorsi di salute nel rispetto dell’ambiente.

Da Valverbe il concetto di “naturale” assume una connotazione a 360°. L’azienda stessa, sul suo portale web, si presenta come “uno splendido connubio tra l’antica tradizione erboristica e la ricerca avanzata di nuove tecnologie di produzione”. E se non basta questa splendida descrizione per invogliarvi a fare un salto sul loro sito e ordinare la vostra prima tisana, aggiungo che Valverbe nasce nel 1985 (praticamente pochi mesi dopo di me) e può quindi vantare una certa esperienza in quello che fa.